Ad Abramo e alla sua discendenza. Lettere ai patriarchi PDF

Regina Jonas, prima donna ordinata rabbino, in Germania nel 1935. Sono relativamente poche le donne menzionate nella Bibbia per nome e ruolo, suggerendo che erano raramente in prima linea nella vita pubblica. Secondo la tradizione ebraica, una alleanza fu formata tra gli Israeliti e il Dio ad Abramo e alla sua discendenza. Lettere ai patriarchi PDF Abramo sul Monte Sinai. Il matrimonio e il diritto di famiglia in tempi biblici favorivano gli uomini a scapito delle donne.


Författare: don Tonino Bello.

Ad esempio, un marito poteva divorziare la propria moglie, se così decideva, ma una moglie non poteva divorziare il marito senza il suo consenso. La pratica del levirato si applicava alle vedove di mariti defunti senza figli, ma non ai vedovi delle mogli defunte senza figli. Le donne ebbero un ruolo anche nella vita rituale. Tempio di Gerusalemme una volta all’anno e offrire il sacrificio pasquale. Le donne dipendevano dagli uomini economicamente,in genere non possedendo proprietà, tranne nel raro caso dell’ereditare terra da un padre senza figli maschi.

Anche “in questi casi, le donne erano tenute a risposarsi all’interno della tribù, in modo da non diminuire i suoi possedimenti terrieri. La letteratura rabbinica classica contiene citazioni che possono essere considerate come elogiative e dispregiative delle donne. Mentre poche donne sono menzionate per nome nella letteratura rabbinica e nessuna pare sia nota per aver scritto un’opera rabbinica, coloro che sono menzionate vengono ritratte per aver avuto una forte influenza sui rispettivi mariti, e occasionalmente di esser state rinomate pubblicamente. Alle donne ebree era in genere vietata la detenzione di ruoli formali di leadership con autorità sugli uomini. Dopo l”espulsione delle comunità ebraiche dai regni spagnoli e dai loro possedimenti nel 1492, le donne divennero praticamente l’unica fonte di rituale ebraico nel mondo cattolico in base ad un fenomeno noto come Cripto-Giudaismo.

I rabbini inoltre istituirono e rafforzarono i divieti di violenza domestica. Rabbi Peretz ben Elia dichiarò: “Il grido delle figlie del nostro popolo è stato ascoltato riguardo ai figli d’Israele che alzano le mani per colpire le loro mogli. Ma chi ha dato al marito l’autorità di picchiare la moglie? Rabbi Rothberg stabilì che “è la maniera dei Gentili di comportarsi così, ma il cielo non voglia che anche gli ebrei lo facciano! Gli sviluppi religiosi di questo periodo inclusero una mitigazione delle proibizioni contro l’insegnamento della Torah alle donne, e l’incremento di gruppi di preghiera tra le donne di Francia e Germania. L’aumento e la crescente popolarità della Cabala, che enfatizzava la Shekhinah e gli aspetti femminili della presenza divina e il rapporto umano-divino, e che vedeva il matrimonio come un patto sacro tra i partner piuttosto che un contratto civile, ebbe una grande influenza. L’Ebraismo ortodosso talvolta prescrive ruoli e obblighi religiosi diversi per uomini e per donne.

Ci sono opinioni divergenti tra gli ebrei ortodossi relative a tali differenze. La maggior parte sostengono che uomini e donne hanno ruoli complementari, ma diversi nella vita religiosa, con conseguenti obblighi religiosi differenti. Alcuni rabbini ortodossi reputano gli sforzi contemporanei di cambiamento come motivati da ragioni sociologiche e non da interpretazioni religiose. Inoltre considerano che questi cambiamenti siano suggeriti da una possibile rottura con le norme stabilite di osservanza, e non consentono alle donne di impegnarsi in attività tradizionalmente riservate agli uomini. Lo stesso argomento in dettaglio: Tzniut.

L’importanza della modestia nel vestire e della condotta è sottolineata in particolare tra le ragazze e le donne nella società ortodossa. Molte donne ortodosse indossano solo gonne ed evitano di portare i pantaloni e alcune donne ortodosse sposate si coprono i capelli con una parrucca, un cappello o una sciarpa. L’Ebraismo prescrive la modestia sia per gli uomini che per le donne. Lo stesso argomento in dettaglio: Niddah. In conformità alla legge ebraica, le donne ebree ortodosse si astengono dal contatto con i propri mariti mentre hanno le mestruazioni, per un periodo di 7 giorni dopo le mestruazioni, e dopo la nascita di un figlio. Le questioni femminili hanno suscitato più interesse con l’avvento del femminismo.

Molte donne ebree ortodosse moderne e rabbini ortodossi moderni hanno cercato di fornire una maggiore e più avanzata formazione ebraica alle donne. Gruppi separati di preghiera per le donne ebree erano una consuetudine sancita dagli ebrei tedeschi nel Medioevo. E recitano litanie lì per circa un quarto della notte, gli uomini nella loro sinagoga e le donne nella loro sinagoga. E allo stesso modo durante il giorno gli uomini recitano litanie da soli e le donne da sole, finché circa un terzo della giornata è passato. In Germania, nei secoli XII e XIII, i gruppi di preghiera femminili erano condotti da cantori donne.

Rabbi Eleazaro di Worms, nella sua elegia per la moglie Dulcla, la lodò per aver insegnato ad altre donne di pregare e abbellire la preghiera con la musica. Un terzo punto di vista si dichiara a favore della accettabilità di chiamare le donne a leggere la Torah nei servizi misti, e di far loro condurre alcune parti del servizio liturgico che non richiedano un minian. Tale è anche la sentenza del Maharik, di David ben Solomon ibn Abi Zimra e del Mahar”i di Minz. Il Rabbinical Council of America, mentre inizialmente si basava sulla propria indagine probatoria, ha successivamente scelto di accettare la decisione halakhica del corpo rabbinico haredi come autorevole nella data situazione. I capi delle comunità haredi sono stati fermi nella loro opposizione ad un cambiamento del ruolo della donna, sostenendo che i vincoli religiosi e sociali sulle donne, come dettato dai testi tradizionali ebraici, sono senza tempo e non sono influenzati dal cambiamento sociale contemporaneo. L’Ebraismo ortodosso moderno, in particolare nelle sue varianti più liberali, tende ad esaminare le modifiche proposte riguardanti il ruolo delle donne su una base specifica, caso per caso, concentrandosi sugli argomenti circa il ruolo religioso e giuridico di specifiche preghiere, rituali e attività. Sebbene la posizione dell’Ebraismo conservatore verso le donne inizialmente si discostasse poco da quella ortodossa, in tempi recenti ha minimizzato le differenze legali e rituali tra uomini e donne.

Assemblea Rabbinica internazionale ha approvato una quantità di decisioni e responsa su questa materia. Un rabbino può o non può decidere di adottare particolari provvedimenti per la propria congregazione, quindi alcune congregazioni conservatrici sono più o meno egalitarie rispetto ad altre. Il figlio di madre ebrea nasce ebreo, il figlio di padre ebreo nasce ebreo se e solo se la madre è ebrea. Il CJLS ha dichiarato che questa particolare cerimonia non deve essere celebrata.