Arte contemporanea conservazione e restauro PDF

Nato a Siena in Via di Città, si laureò in Lettere all’Università di Firenze nel 1928. Ventiseienne, nel 1932 dedicò il suo primo saggio d’arte contemporanea a Filippo de Pisis dopo arte contemporanea conservazione e restauro PDF visitato lo studio parigino dell’artista. Nel 1933, vinto il concorso per Ispettore nei ruoli dell’Amministrazione delle Antichità e Belle Arti, passò alla Sovrintendenza ai Monumenti di Bologna.


Författare: .

Il volume raccoglie gli interventi del workshop internazionale, svoltosi a Venezia nel 1996, promosso dalla Fondazione di Venezia, per esaminare con restauratori, direttori di musei, critici, artisti, galleristi e collezionisti un problema di straordinaria importanza quale la conservazione e il restauro delle opere artistiche.

Nel 1936 assunse funzioni ispettive presso la Direzione Antichità e Belle Arti e successivamente venne nominato Provveditore agli Studi di Udine da dove fu trasferito con responsabilità miste di provveditorato e di Soprintendenza nel Governatorato delle isole italiane dell’Egeo. Oltre ai meriti di carattere amministrativo per la difficoltà nella gestione dei primi anni di vita dell’ICR va sicuramente sottolineata la caparbietà con la quale Brandi si rivolgeva al Ministero. La creazione dell’ICR viene ricordata come un esempio di istituzione statale attenta al rapporto tra teoria del restauro, coscienza del fare conservazione, e pratica del restauro con caratteri ancor oggi imitati e studiati di lavoro inter-disciplinare. Nel 1963 esce Teoria del restauro.

Il piccolo manuale rappresenta tutt’oggi uno dei punti di riferimento assoluti nell’ambito della disciplina. Numerosi da allora sono gli scritti nell’ambito della critica d’arte. Numerose anche le produzioni in ambito giornalistico: per anni fondista culturale del “Corriere della Sera” producendo 560 articoli nei quali Brandi si occupa di temi come l’ambiente, la protezione del patrimonio e i restauri più o meno fortunati. Nel 1984 fu poi vittima, assieme a Giulio Carlo Argan della beffa delle false teste di Modigliani. Collezione valori plastici, Milano, Hoepli, 1949. Fotografie di Angelo Ambrosini, Bari, Laterza, 1960. Collana Problemi attuali di scienza e di cultura, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 1967.

A cura di Vittorio Brandi Rubio, Collana Le Navi, Castelvecchi, Roma, 2014, ISBN 978-88-68-26259-4. A cura di Massimo Carboni, Editori Riuniti, Roma, 1998. Teoria del restauro di Cesare Brandi. Collana Piccola Biblioteca, Torino, Einaudi, 1977. Immagini di Renato Guttuso, Bari, Editori Laterza, 1979.

Prefazione di Cesare De Seta, Collana Le Navi, Roma, Castelvecchi, 2013 , ISBN 978-88-7615-918-3. Sicilia mia, Sellerio, 1989, 3ª ed. Michele Cordaro, Collana Saggi, Torino, Einaudi, 1991. Michele Cordaro, Roma, Editori Riuniti, I ed. La fine dell’Avanguardia, a cura di P.