Colori e suoni delle origini. Ediz. italiana e inglese PDF

Giorgio Prosperi e, per i dialoghi, Paul Bowles e Tennessee Williams. Senso è un colori e suoni delle origini. Ediz. italiana e inglese PDF del 1954 diretto da Luchino Visconti, con Farley Granger e Alida Valli quali interpreti principali.


Författare: Andrea Benetti.

Con “Colori e suoni delle origini” il cerchio sembra chiudersi: l’improvvisazione musicale-sonora di Nemola, abbinata alle icone e ai colori dei quadri di Benetti, rende possibile, in chiave attuale e assolutamente contemporanea, il ritorno a quella sensorialità primigenia e originaria predicata oltre quarant’anni fa da McLuhan. Ci troviamo in una situazione “normalizzata”, infatti, dove viene a crearsi una sinestesia tra immagini e suoni di sapore avanguardistico, futurista in primis, ma con un impatto assolutamente contemporaneo”.

Alida Valli nella scena iniziale del film ambientata alla Fenice di Venezia. Alida Valli e Farley Granger in una scena della passeggiata notturna. Venezia, 27 maggio 1866, vigilia della terza guerra di Indipendenza. Quando Livia si reca a salutarlo al comando austriaco, incontra nuovamente Franz Mahler.

Sempre più coinvolta dalla personalità dell’uomo, percorre assieme a lui le calli veneziane deserte per il coprifuoco. La loro lunga passeggiata dura l’intera notte e la donna si innamora perdutamente dell’ufficiale. Quando iniziano le ostilità tra Italia e Austria, Livia è nuovamente contattata da Ussoni, fuggito dall’esilio. Ussoni le affida l’ingente somma raccolta dai filoitaliani, chiedendole di portarla alla sua Villa di Aldeno, dove la Serpieri è in procinto di trasferirsi con il marito, timoroso della guerra.

Ad Aldeno Livia viene raggiunta da Franz che piomba in camera sua di notte sfuggendo ai guardiani e ai loro cani. La donna cede nuovamente alla passione per il tenente che, nascosto nel granaio con la complicità di Laura, la cameriera di Livia, la informa della possibilità di evitare la battaglia corrompendo dei medici che lo dichiarino inabile. Nei giorni successivi si sviluppa la guerra, cui Ussoni tenta invano di far partecipare le forze irregolari, sino a rimanere ferito durante la battaglia. Ad Aldeno, intanto, Livia riceve una lettera con cui Franz le comunica che è riuscito a ottenere l’esonero. La donna fugge sconvolta e si reca al comando austriaco, dove denuncia Mahler consegnando la lettera nella quale questi le raccontava la corruzione messa in atto e rivela dove si trova. Il generale austriaco comprende i veri motivi del gesto della contessa, ma non può sottrarsi dal compiere il suo dovere.