Il futuro del maschio PDF

Attenzione: ecco i sentieri NON permessi a bici e cavalli! Questi sentieri sono segnalati sul posto con appositi cartelli di divieto. Ora è disponibile la cartina che li riporta, evidenziati in rosso! Laura Farina, che già conosciamo per la sua passione per le farfalle, molto cortesemente, ci ha concesso di pubblicare il futuro del maschio PDF nostro sito un suo interessante lavoro, durato più anni, incentrato sui Coleotteri presenti nel Parco appartenenti alla grande famiglia dei Crisomelidi.


Författare: Hill Dave.

Il volume tenta di prevedere il futuro, da qui a cinquant’anni, per ciò che riguarda l’uomo.

Dorifera, le cui larve sono tanto temute da chi ha patate nell’orto! Il museo di Cà Soldato si è arricchito di un altro prezioso dono di una nostra ex GEV che non ha smesso di amare il nostro piccolo museo. Infine un prezioso ed accurato opuscolo, dove i temi del diorama sono sviluppati, consente un ulteriore approfondimento. Di Gasparetto, ma siamo poi veramente sicuri che non sia Gasparetta? Anche quest’anno la mancanza di pioggia e le temperature elevate dei mesi estivi hanno causato la secca di lunghi tratti dei torrenti del Parco implicando la conseguente tutela ittica.

L’attività di salvataggio pesci ha coinvolto alcune GEV per tutto il mese di agosto in collaborazione con la società pescatori sportivi di Lomagna, Pierangelo Crippa ed ha interessato per diversi km i torrenti Molgoretta e Curone, dal depuratore consortile di Lomagna in località Mulino del Conte alla cascina Bagaggera di Rovagnate e per circa 500 m il torrente Lavandaia in zona Tricodaglio. L’operazione ha previsto 2 fasi di lavoro: il monitoraggio giornaliero del livello dell’acqua delle pozze che si prosciugavano e, dove le condizioni di vita dei pesci diventavano critiche, l’intervento di cattura e trasporto a monte, ponte di Valfredda per il Curone, Lomaniga e Trecate per la Molgoretta, Maresso per la Lavandaia. Importante è stato l’aiuto dei guardiapesca volontari della provincia che con l’elettrostorditore hanno permesso la cattura dei pesci di media e grossa taglia, poi con il calare del livello dell’acqua si è proceduto coi retini per i pesci piccoli e gli avannotti. La presunta stima del pesce salvato è di un migliaio di esemplari di peso superiore ai 50 gr e di diverse migliaia di taglia inferiore. Molgoretta in località Mulino del Conte Lomagna. Nel Parco vivono più “intellettuali” di quel che si pensi!

Guardate un poco cosa ci è arrivato per posta elettronica! Il signor Stefano, che abita una cascina a mezza costa sulla collina di Montevecchia, si è trovato in una inattesa competizione, mentre in piena notte era alla ricerca tra i libri dello scaffale di un buon testo per riprendere velocemente il sonno interrotto. Non abbiamo poi saputo su quale testo sia caduta la scelta del piccolo roditore, animaletto presente nel Parco ma non facile a vedersi! Parco, deve farci gioire ma altresì farci riflettere su quanto siano preziosi questi ambienti così particolari e fragili. Si tratta di un bel diorama, che presenta bozzoli e struttura sericea di supporto, creato questa primavera dai bachi da seta. Una piccola guida di 4 pagine aiuta nella comprensione di tutte le fasi di vita dell’insetto. Un divertimento, stavo per dire intelligente, per aumentare la simpatia verso questi piccoli animali.