L’acqua del 2000 PDF

Jump to navigation Jump to search Acquedotto L’acqua del 2000 PDF S. L’acquedotto pugliese è l’infrastruttura pubblica di approvvigionamento idrico-potabile della regione Puglia e di alcuni comuni della Campania.


Författare: Joyce Lussu.

L’acqua del 2000, edito nel 1977, è uno straordinario saggio di predizione: Joyce Lussu si pone il problema di come la donna e l’uomo possano continuare a vivere in un ambiente che il capitalismo sta depauperando. Un viaggio dal Neolitico alle streghe, dalla scienza al potere della tecnologia esclusa alle masse, fino al pensiero ecologista, che Joyce tra le prime ha abbracciato e diffuso in Italia. Una profezia, quella della possibile privatizzazione dell’acqua, che si avvera proprio nei nostri tempi: la lucidità, la preveggenza e la saggezza di Joyce Lussu ci accompagnano ancora oggi e rendono questo testo di grande attualità. Poiché, ci ricorda Joyce, tutti facciamo storia, già solo per il fatto di esistere, ed è per questo che non possiamo smettere di interrogarci sul nostro passato per costruire la possibilità di un “futuro vivente”.

L’acquedotto pugliese è costituito da un complesso di infrastrutture acquedottistiche tra loro interconnesse. La prima importante realizzazione, che tuttora rappresenta la spina dorsale dell’intero sistema acquedottistico pugliese, è il canale principale, alimentato dalle acque del Sele e, a partire dagli anni 1870, da quelle del Calore. Difatti, non essendo il sottosuolo pugliese ricco di acqua facilmente estraibile, da sempre veniva adoperata l’acqua piovana raccolta in cisterne, che non garantivano quantità sufficienti e la necessaria prevenzione da epidemie. L’opera venne caldeggiata da alcuni deputati pugliesi che ottennero la creazione dapprima di una commissione di studio cui seguì il finanziamento e l’affidamento dei lavori in concessione, a seguito di una gara internazionale. La galleria di valico dell’Appennino, da Caposele a Conza fu ultimata nell’anno 1914.