La coperta della pace PDF

La coperta della pace PDF causa delle sue vittorie militari, politiche, la chiamata all’autodeterminazione nazionale e la presenza di una base nazionalista fra i Tamil, l’LTTE fu sostenuto dalla maggior parte della comunità Tamil. All’apice della sua potenza, le Tigri possedevano una milizia ben addestrata e sviluppata, e avevano portato a termine molti attacchi di alto profilo, inclusi gli omicidi di numerosi politici di alto rango singalesi e indiani. Gli storici squilibri inter-etnici fra la maggioranza Singalese e la minoranza Tamil vengono additati come causa della creazione della base culturale sulla quale si originarono le Tigri. I governi successivi all’indipendenza dello Sri Lanka tentarono di rettificare lo sproporzionato favoreggiamento nei confronti della popolazione tamil attuato dai dominatori coloniali.


Författare: Monica Ravasini.

Violenze, fame, rassegnazione, abbandono, indifferenza einvidia sono solo alcune delle cose che attanagliano l’animo umano e raffreddano i cuori… Se si volesse annullarle, bisognerebbe seguire una ricetta: l’amore. È una ricetta che ci ha dato Dio con tanti altri insegnamenti. Il mondo, le persone, sarebbero migliori se si seguisse questo messaggio e non servirebbe un angelo che scendesse dal cielo per tessere la coperta della pace. Sta all’uomo tessere l’amore e quindi la pace nella società. Questo è il messaggio che Monica Ravasini lancia con il suo racconto, in cui narra gli sforzi di un angelo per riportare un po’ di serenità sulla terra e riscaldare il cuore all’umanità.

Quando iniziarono gli ultimi colloqui di pace nel 2002, le Tigri controllavano un’area di 15. Dopo la rottura del processo di pace nel 2006, l’esercito singalese lanciò una massiccia offensiva contro le Tigri, sconfiggendole militarmente e riportando l’intero paese sotto il proprio controllo. Sin dall’inizio della dominazione inglese sull’isola avvenuta nel 1796, i Tamil dell’isola rimasero una comunità isolata, facendo di tutto per tenere distinta la propria identità culturale. I Tamil non avevano intenzione di essere assimilati, e mantennero una coscienza di gruppo ben distinta, a causa della propria cultura, lingua e religione, tutti elementi diversi da quelli dell’etnia singalese. Tuttavia, con il passare del tempo, il Consiglio venne occupato da una maggioranza sempre più numerosa di rappresentanti singalesi, a causa della distribuzione territoriale della popolazione, e ciò fece irritare i Tamil, che vedevano sempre più ridotto il proprio peso politico. Negli anni Venti la situazione peggiorò, e la consapevolezza nazionale si trasformò in coscienza nazionale, e un aumento della volontà di difendere gli interessi della propria comunità. I Tamil quindi iniziarono a sviluppare le proprie idee nazionalistiche.

Lo Sri Lanka conquistò l’indipendenza nel 1948, e l’indipendenza peggiorò ulteriormente il conflitto. I vari leader delle diverse etnie tesero a privilegiare richieste popolari a base etnica e a breve termine, anziché obiettivi a lungo termine che avrebbero costituito uno stato inclusivo e adeguatamente rappresentativo della società multiculturale sull’isola. Nei primi anni Settanta, il governo di Sirimavo Bandaranaike introdusse la “politica di standardizzazione” per porre rimedio al basso numero di singalesi accettati nelle università del paese. Le Tigri Tamil furono fondate il 5 maggio 1976, come successori delle Nuove Tigri Tamil. Uma Maheswaran divenne il suo leader, e Prabhakaran il suo comandante militare. Un comitato di cinque membri fu realizzato. Appapillai Amirthalingam, eletto nel 1977 come capo dell’opposizione del parlamento singalese, iniziò a sostenere clandestinamente le Tigri.