La curva del giorno PDF

Le informazioni riportate non sono consigli medici e la curva del giorno PDF non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze. L’annidamento è la terza e ultima fase dello sviluppo pre-embrionale, ossia del periodo comprendente le prime due settimane di sviluppo. L’incontro reale tra spermatozoo e cellula uovo si ha durante la fecondazione, che avviene, nella quasi totalità dei casi, nell’ampolla delle tube uterine.


Författare: Biagio Cepollaro.

Nella specie umana la fecondazione si ha per monospermia, ovvero un solo spermatozoo entra nella cellula uovo e fonde il proprio nucleo con quello della cellula uovo matura. Il trofoblasto secerne enzimi litici che permettono l’impianto della blastocisti nell’endometrio, lo strato cellulare che riveste internamente la cavità uterina. Le ramificazioni del sincizio arrivano non solo a contatto con la parete dei vasi sanguigni della madre, ma addirittura, grazie all’azione degli enzimi litici, erodono la parete dei vasi sanguigni materni, e quindi il sinciziotrofoblasto si trova immerso direttamente nel sangue materno. Si forma una cavità, in cui si distinguono una volta e un pavimento, chiamata cavità amniotica, ripiena di liquido secreto dagli amniociti. I foglietti germinativi, invece, sono le prime tre lamine di tessuto che si formano e si differenziano, e dalle quali si differenzieranno tutti i tessuti del nuovo individuo. Le cellule dell’ectoderma scendono lungo la linea primitiva e poi si allargano tra lo strato dell’ectoderma e lo strato dell’endoderma e si espandono in tutti i sensi. In avanti, poi si separano e formano le cosiddette ali mesodermiche che, nella parte anteriore dell’embrione, si risaldano tra loro isolando una zona centrale senza mesoderma.

L’evoluzione del mesoderma embrionale è legata strettamente all’evoluzione dell’amnios. L’amnios all’inizio è situato al di sopra del germe, quando il germe è ancora allo stato bilaminare. Poi la vescicola amniotica si amplia, cresce in tutti i sensi piuttosto velocemente e va a delimitare la forma dell’embrione che dapprima diviene allungata in senso antero-posteriore e non è più laminare. Contemporaneamente il mesoderma embrionale si evolve e va a distribuirsi in tre zone: due parti dorsali dette epimeri, due parti laterali dette mesomeri, e due parti ventrali dette ipomeri.

Nell’ultimo stadio, la crescita e la specializzazione dei tessuti, gli organi aumentano di dimensione e acquisiscono le loro particolari proprietà strutturali e funzionali. Cecie Starr, Biologia Il sistema uomo, Novara, De Agostini Scuola S. Campbell Reece Taylor Simon, Immagini della biologia, Il corpo umano, Bologna, Zanichelli Editore S. Campbell Reece Taylor Simon, Immagini della biologia, L’ereditarietà e l’evoluzione, Bologna, Zanichelli Editore S. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 23 lug 2018 alle 18:19.

Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Questa voce o sezione sull’argomento matematica è priva o carente di note e riferimenti bibliografici puntuali. Un frattale è un oggetto geometrico dotato di omotetia interna: si ripete nella sua forma allo stesso modo su scale diverse, e dunque ingrandendo una qualunque sua parte si ottiene una figura simile all’originale. Questa caratteristica è spesso chiamata auto similarità oppure autosomiglianza. La natura produce molti esempi di forme molto simili ai frattali. Si ritiene che in qualche modo i frattali abbiano delle corrispondenze con la struttura della mente umana, è per questo che la gente li trova così familiari. A qualunque scala si osservi, l’oggetto presenta sempre gli stessi caratteri globali.

Una sostanziale differenza tra un oggetto geometrico euclideo ed un frattale è il modo in cui si costruisce. La costruzione dei frattali, invece, non si basa su di un’equazione, ma su un algoritmo. Ciò significa che si è in presenza di un metodo, non necessariamente numerico, che deve essere utilizzato per disegnare la curva. Alla base dell’auto-similarità sta una particolare trasformazione geometrica chiamata omotetia che permette di ingrandire o ridurre una figura lasciandone inalterata la forma.

Un frattale è un ente geometrico che mantiene la stessa forma se ingrandito con una omotetia opportuna, detta omotetia interna. L’insieme di Mandelbrot visto con una lente di ingrandimento sempre più potente ha sempre lo stesso aspetto. Lo stesso argomento in dettaglio: dimensione di Hausdorff. 1975 afferma l’esistenza di differenti metodi per misurare la dimensione di un frattale, introdotti quando il matematico si cimentò con la determinazione della lunghezza delle coste della Gran Bretagna.