La Mano dell’Ingannatore PDF

Se è vero, com’ è vero, che un gran vino si fa’ da una la Mano dell’Ingannatore PDF uva, da questa grande uva io faccio il mio grande aceto. Mi ci vuole qualche anno, e in questo tempo devo accudirlo e coccolarlo come un bambino in fasce. Visita all’acetaia Se sei curioso di visitare la nostra Acetaia, non esitare!


Författare: Mike Reeves-McMillan.

Chiamaci e organnizza la tua visita personalizzata! L’ uva bianca, da vitigno autoctono, viene prodotta con cura e attenzione nella vigna adiacente l’ acetaia, tutto un fianco gradonato della collina che sovrasta la Subida. Il nostro aceto è prodotto con le migliori uve del Collio, le stesse con le quali si producono gli eccezionali vini del nostro territorio. Giunta a piena maturazione, l’ uva viene portata in acetaia, deraspata e messa in piccoli tini dove avviene la fermentazione alcolica. Passati otto-dieci giorni, gli zuccheri si sono trasformati in alcol. Considerata la qualità dell’ uva che usiamo, la sua struttura, la sua mineralità e l’ assoluta naturalità del processo, possiamo evitare aggiunte di solforosa e di ogni tipo di conservante antiossidante.

Come per ogni grande vino, il tempo gli è amico e in bottiglia si affina, matura, si eleva. Già ai tempi dei romani Plinio ammoniva sul fatto che il risultato finale della fermentazione dell’ acino d’ uva non era il vino ma l’ aceto! E noi conveniamo con lui e aggiungiamo: da una grande uva, un grande aceto. Non solo come condimento o arricchitore di salse, la sua aromaticità, la sua complessità, ne suggeriscono un uso molto piu variegato. L’uso di uno spruzzino permette un dosaggio più omogeneo e misurato, esaltando altresì le sue peculiarità aromatiche. Mettete a bollire i fagioli, precedentemente ammollati, con la cotica di prosciutto, le bucce del limone, le foglie di alloro, gli spicchi d’ aglio e del sale. Quando i fagioli saranno cotti, aggiungete il soffritto di olio extravergine di oliva, aglio intero e cipolla e legato con i tre cucchiai di farina.