Nomi e nomi. Dalla A alla Z origine, significato e ricorrenze PDF

I Samaritani affermano che la pronuncia sia iabe. Alcune fonti patristiche forniscono prove per la pronuncia greca iaō. Io sono” e “Io sono ciò che sono”. Il tetragramma potrebbe anche significare “io mostrerò d’essere ciò che mostrerò d’essere” oppure “Io sono l’essenza dell’essere”: il nome nomi e nomi. Dalla A alla Z origine, significato e ricorrenze PDF indicare che Dio può manifestarsi nel tempo come tutto ciò che desidera e che attualmente è fuori del tempo.


Författare: .

Con ciò YHWH dice a Mosè di essere colui che è sempre presente a favore del suo popolo. Dio rivela a Mosè di essere l’Essere in quanto essere. Tale significato è stato sviluppato in epoca cristiana, soprattutto nell’ambito della riflessione metafisica e ontologica. Il significato del nome secondo Franz Rosenzweig è: Ich werde dasein, als der ich dasein werde. Alla maggioranza degli ebrei comunque era proibito pronunciare o persino scrivere l’intero tetragramma. In assenza di una vocalizzazione precisa, ogni traduttore moderno deve comunque usare un certo criterio per inserire nel tetragramma le vocali che permettano di leggerlo in una delle lingue correnti. A E, che fa riferimento al testo del capitolo 3 del libro dell’Esodo in cui Dio rivela il suo nome a Mosè.

La vocalizzazione O A I sembra molto forzata. O o U, perde il suono V per assumere un suono puramente vocalico, quindi il tetragramma potrebbe essere una sequenza di soli suoni vocalici. Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua ebraica, Ebraico tiberiense e Segno diacritico. Il testo consonantico originale della Bibbia ebraica era, molti secoli dopo, fornito di segni vocali dai Masoreti per aiutarne la lettura. Masoreti scrissero il Qere ai margini come nota che dimostrava come si doveva leggere. V per indicare sia V che U – cfr. Da notare nella tabella sopra che la “sh’wa semplice” di Yehowah e la hatef patah di Adonai non sono la stessa vocale.