Quaderni del Dipartimento di studi politici (2007) Vol. 1 PDF

Questa voce o sezione sull’argomento storia è ritenuta da quaderni del Dipartimento di studi politici (2007) Vol. 1 PDF. Motivo: Mancanza di fonti in numero adeguato, soprattutto riguardo alle forze in campo e alle vittime nel template. Coat of arms of the Kingdom of the Two Sicilies.


Författare: .

927 unità della Guardia nazionale italiana. 000 uomini in tutto il periodo, divisi in: Diverse bande, non coordinate tra loro e composte ognuna dai 5 ai 900 guerriglieri. Numero imprecisato di civili, senza appartenenza diretta alle bande armate. Numero imprecisato di cittadini uccisi in quanto liberali o unitari.

Accertate, nel il decennio 1860-1870, intorno alle 20. Per quanto io sappia, anche le monarchie più potenti non sono riuscite a estirpare del tutto il brigantaggio dal reame di Napoli. Come le cause non erano distrutte, né si poteva ogni repressione era vana. Eroi e briganti, Francesco Saverio Nitti, pagg. Battaglia del Volturno e Spedizione dei mille. Stampa satirica dell’epoca: il cardinale Giacomo Antonelli benedice l’alleanza fra i briganti e le forze antiunitarie, sotto lo sguardo dell’aquila bicipite asburgica, simbolo dell’Austria. Sua Maestà e l’avversione contro gli invasori del Regno.

Nelle formazioni irregolari, che la popolazione locale denominava masse, affluirono migliaia di uomini: ex soldati dell’esercito sconfitto e disciolto, coscritti che rifiutavano di servire sotto la bandiera italiana, popolazione rurale, banditi di professione e briganti stagionali, che si dedicavano già alle grassazioni nei periodi in cui non potevano trovare impiego in agricoltura. Lo svilupparsi ed il diffondersi del brigantaggio postunitario nel periodo 1861-1865 è stato definito grande brigantaggio per distinguere le peculiari connotazioni che questo ebbe – soprattutto a livello politico – rispetto sia al brigantaggio preunitario, per lo più consistente in fenomeni di mero banditismo e sia rispetto al suo strascico posteriore. Tuttavia dopo l’eccidio Gattini nell’agosto 1860 a Matera, nella primavera del 1861 la rivolta si era ormai diffusa in tutto il sud Italia continentale, assumendo spesso le forme di estese jacquerie contadine, spesso represse violentemente nel sangue. L’obiettivo strategico consisteva nel ristabilire le vie di comunicazione e conservare il controllo dei centri abitati. Le forze a sua disposizione consistevano in circa 22. 000 uomini, presto passate a 50. 000 unità nel dicembre del 1861.