Romanzi e racconti. Vol. 1 PDF

Questa è una voce di qualità. Villa di Strawberry Hill, la villa inglese in stile “neogotico”, che fu fonte d’ispirazione dell’opera gotica dello scrittore Horace Walpole. Horace Walpole è considerato l’iniziatore della letteratura gotica moderna con Il castello di Otranto del 1764. L’iniziatore della letteratura romanzi e racconti. Vol. 1 PDF moderna è considerato Horace Walpole con il suo romanzo breve Il castello di Otranto del 1764.


Författare: Alberto Arbasino.

L’edizione delle opere narrative di Arbasino nei Meridiani è organizzata in due volumi (il secondo celebrerà nel gennaio 2010 l’ottantesimo compleanno dell’autore). Questo primo volume è aperto da “Le piccole vacanze”, i cui racconti contengono già in nuce i temi della produzione successiva: il clima asfittico della provincia italiana, l’atmosfera pettegola delle ville e dei salotti, il viaggio inteso sia come divagazione turistica sia come pretesto per una critica sociale e culturale. Seguono alcuni racconti pubblicati nel 1959 e mai più ripresi, e il romanzo epistolare “L’anonimo lombardo”, la cui vis polemica e satirica determina la decisa rottura della forma narrativa tradizionale e l’adozione di uno stile tra il narrativo e il saggistico improntato alla “chiacchiera” salottiera e colta. Il celeberrimo romanzo “Fratelli d’Italia”, per volontà dell’autore, è qui offerto nel testo della prima edizione (Feltrinelli 1963): resoconto del viaggio attraverso l’Italia di alcuni giovani intellettuali, è un’opera “aperta” a tal punto che l’autore l’ha riscritta più e più volte (1967, 1976, 1993), per aggiornarla in quanto affresco in progress della società italiana. Al romanzo fa da pendant teorico il saggio “Certi romanzi” (anch’esso secondo la prima edizione, Feltrinelli 1964).

Dopo Walpole e Clara Reeve con Il vecchio barone inglese, storia gotica, il romanzo gotico è meglio conosciuto come romanzo nero o del terrore. Le ambientazioni cupe sono le stesse ma sono assai ridotti i fenomeni soprannaturali. L’etichetta di gotico fu coniata in senso spregiativo da Giorgio Vasari nel XVI secolo come sinonimo di “barbarico”. Strawberry Hill, la residenza di Horace Walpole a Twickenham, Londra. Dipinto di Johann Heinrich Münt, circa 1755-1759. Esiste un rapporto fisico molto stretto tra architettura e romanzo gotico del quale i veri protagonisti diventano proprio l’ambientazione e la scenografia della narrazione. Come il neogotico rifiutava la chiarezza e il razionalismo dello stile neoclassico dell’establishment dell’Età dei lumi, il termine “gotico” venne collegato all’apprezzamento delle gioie date dall’emozione estrema, lo struggimento della paura e la soggezione inerente al sublime, la ricerca di “atmosfera”.

Tra i fattori che hanno contribuito alla nascita del genere vi è il parallelo sviluppo in Europa del Romanticismo e il richiamo del misterioso e del magico, dell’esotico, del primitivo, del tenebroso. Temi che diventeranno elementi caratterizzanti del romanzo gotico. Sentimentalismo e romanticismo, rivolta contro il razionalismo illuminista, inquietudine per l’industrializzazione portarono alla nascita del gothic revival. Mary Shelley definisce meglio il romanzo gotico nel periodo romantico. Mary Shelley si colloca comunque nel romanticismo inglese per le passioni intense che percorrono la sua opera.

Tali sviluppi narrativi, in particolare nel Novecento, assumeranno la forma di generi narrativi autonomi come il giallo, il noir, la fantascienza, l’orrore. Anche nel XX secolo gotico e soprannaturale influenzeranno un certo numero di autori, a cominciare da quelli inglesi. Sarà poi il cinema, già dai primi anni venti, a rivitalizzare presso il grande pubblico l’interesse per alcuni fra i più noti miti del romanzo gotico nati nel secolo precedente, come Frankenstein o il Vampiro. Tipici di questo genere letterario sono il tema della morte, della possessione demoniaca, del male, delle antiche profezie. I personaggi sono spesso ambigui, misteriosi, preda di passioni violente o tormentati da pene d’amore. Il romanzo gotico è per lo più ambientato nel Medioevo o nel XIX secolo: epoca buia e misteriosa la prima, più mistica e “borghese” la seconda. La letteratura gotica è nata in Inghilterra ed è ambientata in castelli, chiese, monasteri, abbazie e perlopiù in paesi cattolici.

La tematica religiosa è perciò forte come le sue implicazioni nei secoli a cavallo del gothic revival cominciati con l’ascesa di Enrico VIII e la rottura con l’autorità religiosa di Roma. Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura inglese. Il passato rivela la composita formazione del panorama culturale inglese e la movimentata scelta dei princìpi che dal 1533, anno di rottura con la gerarchia di Roma, portarono alla confessione anglicana. Nel rapporto con il cattolicesimo c’è stata una sofferta e alterna visione filocattolica e anglocattolica.

La letteratura gotica, come si è detto, descrive atmosfere del Medioevo e per questo ha un rapporto molto stretto con la religione cattolica e anglicana ed un’ambientazione in castelli diroccati, chiese, conventi e sotterranei. John Skelton, precettore di Enrico VIII, dovette invece rifugiarsi nell’abbazia di Westminster dove rimase fino alla morte per la satira pungente dei suoi scritti. Il poeta Henry Howard fu condannato a morte, insieme al padre, e decapitato con l’accusa di tradimento. John Milton, a causa degli scritti polemici sul divorzio, cadrà anch’egli in disgrazia e si ritirerà a vita privata.

Il grande filosofo Francesco Bacone fu condannato al carcere per peculato. Di famiglia cattolica, Alexander Pope dovette fare i conti con il battesimo ricevuto in un’epoca in cui la diversa appartenenza religiosa era motivo di discriminazione. A causa della sua religione gli venne impedito di seguire il normale tirocinio scolastico e dovette seguire studi privati. Jonathan Swift scrisse I viaggi di Gulliver, il suo capolavoro, anche se la critica degradò il romanzo a libro per l’infanzia. In questa veloce panoramica sul rapporto tra religione e letteratura, Laurence Sterne rappresenta l’esempio opposto.

Dopo gli studi scelse la carriera ecclesiastica per i vantaggi economici e sociali che avrebbe conseguito. Lo scrittore e architetto August Pugin nel 1834 si convertì al cattolicesimo. Tra i maggiori esponenti del movimento di rivalutazione del gotico e dell’architettura cristiana del gothic revival, incontrò la piena adesione dell’Established Church anglicana. In epoca successiva, a cavallo tra il XIX e il XX secolo si situa lo scrittore cattolico Hilaire Belloc, esempio di un rapporto molto stretto tra fede religiosa e attività letteraria. Vale comunque la pena di sottolineare che non è l’appartenenza a una fede piuttosto che a un’altra a determinare la grandezza e il successo internazionale di uno scrittore. Graham Greene non amava essere definito uno scrittore cattolico ma uno scrittore che ha incontrato il cattolicesimo. Ciò chiarito sul contesto religioso in cui è maturata la letteratura gotica, in età preromantica, con riguardo specifico al romanzo gotico si affermano il gusto per il mistero e la religiosità medievale.

Tali tematiche e simboli presto diverranno emblematici del romanticismo inglese e continueranno a influenzare la letteratura europea per gran parte dell’Ottocento, anche al di fuori del genere gotico vero e proprio. Il potere feudale e il dispotismo contribuiscono ad alimentare lo sfondo gotico sublime. Il già descritto Walpole, considerato il pioniere del genere, aveva ormai aperto la strada al nuovo filone narrativo. Nessuno, però, dei due romanzi è gotico in senso stretto. Entrambi superano il mondo medievale e approdano invece nel campo della conoscenza, ma presentano tematiche riconducibili al genere.

Vathek offre poi un’opportunità di evasione nella vita di un gentiluomo inglese dell’epoca. Alla maggiore esponente del cosiddetto romanzo nero e terrifico che non va confuso con il noir, è stata riconosciuta capacità di ambientazione e di saper descrivere romantici paesaggi. La Radcliffe ha saputo coniugare sentimento e ragione, riuscendo a dare spiegazioni razionali agli elementi misteriosi all’apparenza soprannaturali delle sue storie. Uno dei casi in cui l’autore viene confuso con il protagonista del suo capolavoro riguarda Matthew Gregory Lewis, detto Monk Lewis.

Edgar Allan Poe è stato un importante reinterprete di romanzi gotici. Una citazione a parte merita Edgar Allan Poe che, nonostante tenda a escludere le tipiche ambientazioni gotiche, ne eredita però il mistero, l’orrido e l’angosciante, caratteristiche basilari delle sue opere. Nel racconto breve i meccanismi narrativi di Poe si ispirano alla tradizione gotica inglese. Il tema di fondo dei racconti di Poe è la morte fino alle estreme conseguenze terrene.