Soffri ma sogni. Le disfide di Pietro Mennea da Barletta PDF

soffri ma sogni. Le disfide di Pietro Mennea da Barletta PDF al 2014 e della Ferrari N. Daniele Audetto, su Lancia Fulvia 1. 6 Coupé HF, alla partenza del Rally Sanremo-Sestriere 1971.


Författare: Stefano Savella.

«La fatica non è mai sprecata. Soffri, ma sogni». Questa frase di Pietro Mennea esprime il profondo spirito di sacrificio che lo ha condotto a una lunga stagione di vittorie attraverso cinque partecipazioni ai Olimpiadi, il record del mondo, numerosi altri successi in Italia e in Europa. Vi si leggono però anche le difficoltà degli esordi a Barletta, la sua città, in cui la carenza di buoni impianti di allenamento era superata dalla presenza di figure che lo hanno formato nella vita e nello sport. Proprio a Barletta, sulla pista d’atletica dello stadio comunale, Mennea ottenne una delle sue migliori prestazioni di sempre. Abbandonata l’attività agonistica, nella sua nuova carriera di professionista, docente universitario e uomo politico, egli rafforzò la propensione alla sfida individuale. Lo testimoniano le sue lauree, le sue pubblicazioni, l’impegno costante nella lotta al doping e per lo sviluppo della propria terra. Postfazione di Franco Bragagna.

L’avventura nei rally internazionali lo vede a fianco di Pino Ceccato, oltre che del già citato Cristiano Rattazzi, alla guida di FIAT 124 S e 125 S. Scuderia Ferrari, incita con tutto il box il suo pilota Clay Regazzoni negli ultimi giri del Gran Premio d’Italia 1975. Nel 1973 entra in Ferrari come assistente di Enzo Ferrari e responsabile della Squadra Corse. Lascia la Ferrari nel 1977, per diventare responsabile delle relazioni esterne alla FIAT e presidente della Sisport Fiat. Ricoprirà questo incarico fino al 1981.

Nel 1983 Montezemolo esce improvvisamente dal gruppo FIAT, in seguito ad una vicenda di “vendita” di incontri con alti dirigenti del gruppo. Gianni Agnelli, Jas Gawronski e Montezemolo assistono a una partita della Juventus nel 1990. Dal 1986 al 1990 Montezemolo assume l’incarico di direttore generale del comitato organizzatore della Coppa del Mondo di Calcio Italia ’90. Dal 1990 al 1992 ricopre il ruolo di amministratore delegato della RCS Video. In seguito Montezemolo diventerà membro del consiglio di amministrazione di TF1, canale televisivo francese.