Un giallo nel mondo dell’arte PDF

Bruno Munari è figura leonardesca tra le più importanti del novecento italiano. Un giallo nel mondo dell’arte PDF 1950 realizza la pittura proiettata attraverso composizioni astratte racchiuse tra i vetrini delle diapositive e scompone la luce grazie all’uso del filtro Polaroid realizzando nel 1952 la pittura polarizzata, che presenta al MoMA nel 1954 con la mostra Munari’s Slides. Quando qualcuno dice: questo lo so fare anch’io, vuol dire che lo sa rifare altrimenti lo avrebbe già fatto prima. Nato a Milano, Bruno Munari passò l’infanzia e l’adolescenza a Badia Polesine, dove i suoi genitori gestivano un albergo.


Författare: Fabio Calabrese.

Nel 1925 tornò a Milano per lavorare in alcuni studi di grafica. Nel 1930 realizzò quello che può essere considerato uno dei primi mobile della storia dell’arte, noto con il nome di macchina aerea e che Munari ripropose nel 1972 in un multiplo a tiratura 10 esemplari per le edizioni Danese di Milano. Nel 1933 proseguì la ricerca di opere d’arte in movimento con le macchine inutili, oggetti appesi, dove tutti gli elementi sono in rapporto armonico tra loro, per misure, forme, pesi. Durante un viaggio a Parigi, nel 1933, incontrò Louis Aragon e André Breton.

Dal 1939 al 1945 lavorò come grafico presso l’editore Mondadori, e come art director della rivista Tempo, cominciando contemporaneamente a scrivere libri per l’infanzia, inizialmente pensati per il figlio Alberto. Negli anni cinquanta le sue ricerche visive lo portano a creare i negativi-positivi, quadri astratti con i quali l’autore lascia libero lo spettatore di scegliere la forma in primo piano da quella di sfondo. Nel 1951 presenta le macchine aritmiche in cui il movimento ripetitivo della macchina viene spezzato dalla casualità mediante interventi umoristici. Nel 1958 modellando i rebbi delle forchette crea un linguaggio di segni per mezzo di forchette parlanti. Nel 1958 presenta le sculture da viaggio che sono una rivisitazione rivoluzionaria del concetto di scultura, non più monumentale ma da viaggio, a disposizione dei nuovi nomadi del mondo globalizzato di oggi. Negli anni sessanta diventano sempre più frequenti i viaggi in Giappone, verso la cui cultura Munari sente un’affinità crescente, trovando precisi riscontri al suo interesse per lo spirito zen, l’asimmetria, il design e l’imballaggio nella tradizione giapponese. A Cardina, conosciuta anche come “La collina del cinema”, Bruno Munari ha vissuto e lavorato a lungo tutte le estati, fino agli ultimi anni della sua vita.

La sua abitazione-laboratorio, tuttora esistente e oggi sede dell’Associazione Cardina, era situata proprio in fondo alla strada carrozzabile, in via Conconi, di fronte al ristorante Crotto del Lupo. Nel 1974 esplora le possibilità frattali della curva che prende il nome del matematico italiano Giuseppe Peano, curva che Munari riempie di colori a scopi puramente estetici. Nel 1977, a coronamento dell’interesse costante verso il mondo dell’infanzia, crea il primo laboratorio per bambini in un museo, presso la Pinacoteca di Brera a Milano. Dopo vari e importanti riconoscimenti in onore della sua attività vastissima, Munari realizzò la sua ultima opera pochi mesi prima di morire a 91 anni nella sua città natale.